La cuvée Brut Selection prevede 58% Chardonnay 10% Pinot Noir 32% Meunier, con possibili aggiustamenti annuali. Ai vini dell’annata in corso, si aggiungono vini di riserva fino al 30/40% della massa complessiva per stabilizzare impatto gustativo e dare continuità. Lo chardonnay fermenta in legno di II e III passaggio. Dopo la seconda fermentazione in bottiglia singola, la dosatura finale è leggera ma non banale (ca 7 grammi litro di zuccheri, con acidità di 6).

All’apertura inizia l’emozione. Bel colore allegro, paglierino piuttosto carico, pulitissimo, con perlage fine e persistente. Fragrante al naso, con una acidità in evidenza su una struttura decisa. Aromi classici in sequenza: profumo di crosta di pane lievitato e caldo, lievito di birra, floreale di fiori bianchi, fruttato di mela golden e smith non completamente mature, pesca bianca, leggerissima frutta tropicale acerba. Evidentissima la mineralità ed acidità che sostengono il gusto e la nota di legno leggero (boisée).

In bocca, è fresco e asciutto, pochissimo vinoso, lievemente cremoso. E’ il miracolo del territorio della Champagne che dona ai suoi vini questa fragranza unica, leggerezza eterea eppure tangibilmente fisica. Buona intensità e persistenza. Al secondo o terzo sorso si acquista coraggio e volume, il gusto si arrotonda e lo gustiamo meglio.

Servire freddo in bicchieri anche ampi, non teme i volumi.
In abbinamento con aperitivi, primi piatti a condimento chiaro, per esempio di verdure.